Growth Hacking

Chi è il Growth Hacker? Nuovi marketing trend da Londra

growth-hackers alessia camera

Siete quasi in clima di vacanza, quindi, vi avviso: cercherò di essere poco tecnica, anche se non sarà facile.

Qui a Londra, nel mondo startup, si parla e si cercano solo growth hacker.
È la parola del 2015. Quindi, se non volete essere considerati dei markettari noiosi e fuffologi, continuate a leggere.
Chi è il growth hacker? Come diventare un growth hacker? Dovete imparare i trucchi del mestiere e basare le vostre strategie al fine di scalare e far crescere il progetto.

Qualche giorno fa ho sentito un podcast in cui Graham Hunter spiegava quali fossero i consigli per assumere un consulente di growth per la vostra startup. Graham è stato un consulente di marketing per diverse startup ed agenzie ed ora è Head Instructor of Growth a Tradecraft (USA), un’accademia per sviluppare competenze e diventare consulenti di successo per startup.

Chi è il growth hacker?

growth-hacking-guide-mindset-framework-and-tools-È una figura professionale che incrocia le skills di un marketing, uno strategist, un project manager, con un approccio basato “sul fare” ed un’attitudine rivolta alla crescita del progetto.
Quando si parla di marketing, a volte è difficile definire l’obiettivo di riferimento. Oppure si prendono in considerazione tutta una serie di elementi, come il branding, la promozione, la customer experience. Pochi professionisti di marketing hanno esperienze di customer acquisitions, soprattutto con prodotti & servizi online.
Sean Ellis è il primo a parlare di growth hacking come di startup marketing, dove la crescita diventa l’obiettivo principale, declinato in acquisition & retention con un set di risorse (e budget) limitato.

Quali sono le skills che dovrebbe avere un growth hacker?

Graham suggerisce che dovrebbero: “Non dover seguire degli schemi imposti da qualcun altro, essere un generalista, basare i propri ragionamenti sui numeri e saper fare un po’ di tutto“.
Quindi, se qualcuno vi ha detto che per crescere professionalmente dovete focalizzarsi e specializzarvi solo su alcuni tool..beh, sappiate che non c’è solo questa strada.

Come assumere un growth hacker?

È lui lo specialista, quindi preparatevi a rispondere ad una serie di domande specifiche, sui vostri clienti, l’audience, la vostra strategia di customer acquisitions o la retention rate.
Come capire se si tratta della persona giusta per voi? Graham vi suggerisce di chiedergli: “Come farai crescere il mio business“? e penso sia un punto molto importante.
Ho avuto molte discussioni con persone alla ricerca di growth hacker con esperienze di startup scaling. Perchè? Se non hai fatto parte di Uber, Airbnb, Dropbox or Slack è difficile fornire esempi concreti.
Quindi, focalizzatevi sulle competenze e l’approccio della persona, ascoltate i suggerimenti e consiglio finale: non chiedete di quanto hanno fatto crescere i follower del profilo twitter, perché non vi serve un growth hacker in questo caso e non sarà la sua strategia principale per il vostro business.

chi è il growth hacker? alessia camera

Ascoltate il podcast di Graham Hunter qui.
Se volete saperne piu’ di Growth Hacking cliccate qui

UPDATE: questo articolo è stato scritto nel 2015. Nel frattempo, ho creato una serie dedicata al growth hacking che trovate cliccando qui

You Might Also Like

5 Comments

  • Reply
    Events for growth hackers in London&Dublin you should attend | alessiacamera
    September 21, 2015 at 1:33 pm

    […] Se in questo momento avete una faccia perplessa e sguardo perso nel vuoto vi invito a leggere questo mio articolo, dove appunto spiego che quando si parla di Growth Hacking si parla di strumenti, idee ed approcci […]

  • Reply
    Growth hacking e design: che cosa hanno in comune?
    December 8, 2016 at 9:54 am

    […] se ormai ne ho scritto ovunque e tutti voi sapete chi è e cosa significa growth hacking, ne sento ancora di cotte e di crude. Mi sembra quasi di essere tornata a cinque anni fa, quando ai […]

  • Reply
    Finalmente mi sono laureato. E adesso? – Alessia Camera
    April 18, 2017 at 5:24 pm

    […] E non sono l’unica. Ma credo che pochi pensino a quanto e come questo cambiamento sia avvenuto e ci abbia resi diversi in qualsiasi cosa che facciamo. Durante la tesi, avevo scoperto un tool che scansionava le pagine dei libri, con la possibilità di inserirle direttamente su Word e mi sentivo una VIP. Ovviamente oggi l’intuizione fa abbastanza ridere. Fa ridere perché il cambiamento e la tecnologia che abbiamo a disposizione oggi, ci ha permesso di … […]

  • Reply
    Intervista al papà del growth hacking, Sean Ellis – Alessia Camera
    May 10, 2017 at 9:09 am

    […] del growth hacking. Perchè Sean Ellis non è un semplice esperto di marketing per startup, ma è il growth hacker. Si tratta di colui che ha inventato la parola growth hacking e che ha dato le linee guida […]

  • Reply
    Startup Marketing: cosa imparare da Alex Schultz – Alessia Camera
    May 18, 2017 at 1:09 pm

    […] lancio di una startup, ma c’è ancora confusione sugli argomenti e le attività curate da un growth hacker. Si occupa di marketing o programmazione? Ce la fa a fare tutto da solo? E in una strategia di […]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: